Self hate a valanghe.

grande-complotto

Riflettevo sul commento di Shevathas sul mio precedente “articolo“.
Tra le varie cose, ha scritto:

Imho la questione è il self hate di cui molti si son riempiti: visto che il mondo occidentale non è perfetto allora qualsiasi cosa sia altrernativa è meglio. Salvo poi trovarsi in grave imbarazzo quando due alternative, fra loro contradditorie, si scontrano.

Shevathas è uno che quando scrive qualcosa, la maggior parte delle volte mi trova in accordo, e stavolta non è diverso.
Dice che la presenza di tutti questi sbroccati si deve allo scontento che nutrono queste persone ne confronti dell’occidente, scontento che li porta ad essere addirittura incoerenti con loro stessi, pur di “smerdare” (passatemi il termine) l’occidente.

Per cui ti trovi a leggere e ad ascoltare persone che credono contemporaneamente, e in ordine sparso, a:
– complotto sui vaccini
– complotto big pharma
– le sette sorelle
– nwo
– omeopatia
– scie chimiche
– energie strane
– pseudoscienze
– alieni
– complotto 11 settembre

La caratteristica principale di queste persone è dunque di credere e sostenere qualsiasi cazzata sia contro “la società e la cultura occidentale”.
Ora, dato che la cultura occidentale è così piena di complotti, e storture, qualsiasi cosa che sia diverso dalla cultura e dalla società occidentale, è SENZ’ALTRO MIGLIORE.

E vai di corsi di yoga, riequilibrio energetico, corsi di qui e di là…

Cos’è dunque, questo self hate?

Possiamo definire self hate quella tendenza tipica di alcuni ambienti di sinistra e grillini a rifiutare l’evidenza, ed affermare il contrario dell’evidenza; inoltre, più è forte l’evidenza maggiore sarà il rifiuto e la forza con cui viene affermato il contrario.

Sì, è un bel trip mentale da sbroccati, appunto.
Eppure io vedo, leggo, sento  self hate ovunque.

Un’altra cosa che ho notato è che il self hate va a braccetto con una “nuova” versione di democrazia, o meglio di oclocrazia.
Per questi sbroccati democrazia è pluralismo a prescindere: qualsiasi atteggiamento in quanto tale, è legittimo e va tutelato.

Per cui, sebbene le medicine occidentali sono le uniche efficaci, quelle cinesi e indiane saranno quelle migliori, per loro.
Oppure, sebbene in certi paesi le donne vengono trattate come oggetti, in quei paesi le donne sono rispettate e amate…

Qualsiasi cosa insomma, l’importante è che:
– l’occidente è peggio
– si stia dalla parte del torto: quanto fa fighi spararsi delle pose alternative!

Per carità, ci sono casi in cui possono sussistere due o più posizioni ragionevoli, per cui una può anche supportare quella minoritaria, ma non è questo il caso.
Essere ragionevoli viene visto come essere venduti, “parte del sistema”, cose così insomma.

Persone vuote, senza un briciolo di cultura, imparano a memoria i discorsi fatti dai loro politici e guru di riferimento; parlano per sentito dire, vestono in modo alternativo e ricercato, si sparano pose intellettualoidi…
Poi quando le metti di fronte alla realtà, ad esempio che si la medicina cinese e l’omeopatia quello che vuoi, però quando stai male per davvero perché prendi i farmaci?
ti danno del fascista, del berlusconiano, del venduto e così via.

L’unica arma contro queste persone è ignorarli.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...